Pelle grassa e seborrea - Mavi 2015

Vai ai contenuti

Menu principale:

Pelle grassa e seborrea

Area Salute > Dermatologia

La "pelle grassa" si presenta di aspetto spesso e lucido, con pori dilatati, specialmente sulle ali del naso e delle guance. Ha, inoltre, un colorito spento e può essere ricca di comedoni aperti o chiusi. La presenza di un’intensa secrezione sebacea, che conferisce alla cute un aspetto oleoso, trasforma, infine, la pelle da grassa in seborroica.
La seborrea è provocata da un aumento dei lipidi di superfici, in parte provenienti dalla secrezione sebacea o sebo, in parte di origine tissutale, derivati cioè dallo strato corneo.
A queste frazioni lipidiche se ne aggiunge, sebbene in minima parte, una piccola quantità sicuramente derivante da fattori esterni, quali i cosmetici, lo smog, ecc..
Infine altri lipidi sarebbero prodotti da microrganismi presenti sulla superficie cutanea. Soprattutto le alterazioni qualitative e quantitative del sebo sembrano di primaria importanza nel suo determinismo.
A differenza di quanto si verifica nella cute normale la cute grassa è poco idrofila. L'equilibrio tra acqua e grassi si rompe con il conseguente aumento dell'untuosità e dell'ispessimento del film lipidico di superficie.
Si riduce così la presenza sia di acidi grassi insaturi, più idrofili, che di NMF indispensabili entrambi per mantenere stabile l'idratazione cutanea. La pelle tende, inoltre, a perdere la sua capacità autosterilizzante con la possibilità d'insorgenza di infezioni di varia origine.


 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu