L’odore corporeo - Mavi 2015

Vai ai contenuti

Menu principale:

L’odore corporeo

Area Salute > Dermatologia

L'odore del corpo, e l'odore delle ascelle in particolare, può essere considerato un mezzo umano di comunicazione.
Le sorgenti comuni degli odori corporei includono, tra l'altro, le bromidrosi delle ghiandole eccrine e apocrine, l'alitosi e l'odore vaginale. La più comune tra queste manifestazioni è senz'altro la bromidrosi delle ghiandole ascellari apocrine, caratterizzata da una perspirazione eccessiva con emanazione di cattivo odore provocato dall'azione dei batteri. Il cattivo odore deriva dalle alterazioni delle secrezioni provenienti soprattutto dalle ghiandole apocrine ed eccrine. Le lipasi prodotte dai batteri idrolizzano i trigliceridi a glicerolo ed acidi grassi che vengono poi ulteriormente catabolizzati fino a dar luogo a derivati volatili e a basso peso molecolare, emananti cattivo odore. Un'eccessiva sudorazione accompagnata da un ulteriore odore pungente, di derivazione ormonale, dà luogo all'iperidrosi.

Quando si verifica soltanto una eccessiva produzione di odore proveniente dalla secrezione delle ghiandole apocrine, si parla allora di osmidrosi. L'unione dei due fenomeni dà luogo alla bromidrosi. La bromidrosi eccrina che si sviluppa sul palmo della mano e dei piedi, si origina, invece, dall'azione batterica delle cheratine idratate. Colpisce, in genere, tutte le razze ed è riscontrabile a qualsiasi gruppo d'età, in entrambi i sessi. Peggiora, naturalmente, nei climi caldi o nelle stagioni e nei luoghi dove il calore più intenso può indurre maggiore sudorazione delle ghiandole eccrine.
L'alitosi è una condizione di cattivo odore prodotto nella bocca. Può non essere legata a veri problemi medici ma il cattivo odore che ne deriva è sgradito alla maggior parte delle persone. Spesso può causare forme di nevrosi che si estrinsecano con l'uso continuo ed esagerato di collutori, pasticche di menta o deodoranti spray per uso orale, utilizzati anche se non necessari. L'odore genitale è un odore caratteristico sia nell'uomo che nella donna, ed è legato anche alla produzione di speciali composti volatili denominati ferormoni.
Mentre le bromidrosi di origine genitale sono meno frequenti che quelle ascellari, l'intensificarsi del relativo cattivo odore può essere legato a particolari secrezioni vaginali provocate da forme tumorali e da fenomeni infiammatori che ne alterano la normale composizione.
Comunque, l'odore corporeo più intenso proviene sempre dalla bromidrosi ascellare delle ghiandole apocrine legata ad influenze ormonali. Così mentre le esterasi o lipasi batteriche trasformano i trigliceridi e le cheratine in componenti maleodoranti volatili e a basso peso molecolare, gli enzimi b-glucoronidasi e aril-solfatasi trasformano gli ormoni 5, a-androst-16-en-3-b-ol-glucoronide solfato in 5, a-androst-16-en-3, b-ol, ormone che rende la secrezione apocrina ancora più forte, pungente e nausebonda.
Nella Dermatologia Cosmetologica per diminuire contemporaneamente sia l'odore che le secrezioni sudorali si utilizzano i deodoranti e gli anti-traspiranti.

La formulazione dei prodotti deodoranti deve perciò essere valutata molto attentamente


 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu